Maglia Storica Jugoslavia 1990

  • Referenza: 234
  • Brand: Copa Classic
  • Materiale 1: Poliestere
  • Materiale 2: No
  • Manica: Manica corta
  • Paese: Jugoslavia
59,95 €

Disponibilità:Disponibile

Guida alle taglieX

COPA FOOTBALLcm

 Maglie retroFelpe retroT-shirtsPulloversBaby shirts
DimensioneLarghezzaLungoLarghezzaLungoLarghezzaLungoLarghezzaLungoBaby
S486852634765526468 (0-3m)
M517155665068556774 (3-6m)
L547458695371587080 (6-9m)
XL577761725674617386 (9-12m)
XXL60806475     
+7,50 €

Massimo numero di caratteri: 2

+7,50 €

Massimo numero di caratteri: 20

* Campi obbligatori

  • Descrizione

  • Video

  • Aggiungi Recensione

Dettagli

Maglia storica di Calcio della Jugoslavia

È l'ultima maglia utilizzata dalla Jugoslavia in una competizione internazionale: il Mondiale di Italia '90.

La squadra è composta dagli stessi giocatori che nel 1987 hanno vinto il Mondiale giovanile in Cile: Davor Šuker, Robert Prosinečki, Darko Pancev, Dejan Savicevic.
Non c'è Boban, che sta scontando la squalifica di un anno dovuta al calcio dato a un agente della polizia federale jugoslava per difendere un tifoso corato.
La stella è il serbo Dragan Stojkovic, detto Piksi.

In Italia la compagine Jugoslava si ritrova nel girone contro Germania dell'Ovest, Colombia e Emirati Arabi.
Nella prima partita contro i tedeschi gli jugoslavi prendono quattro goal, e Jozic segnerà oil gol della bandiera.
Sempre Jozic siglerà l'1-0 contro la Colombia, e infine con un 4-1 agli Emirati, la Jugoslavia passa il turno.

Agli Ottavi l'avversaria è la Spagna di Butragueño, ma a brillare in quella partita è il 10 dei balcani: Dragan Stojkovic.
Il primo goal è un trattato di tecnica e furbizia: cross in area, Piksi finta il tiro al volo, addomestica il pallone ingannando difensore e portiere e scarica in rete.
Gli spagnoli pareggiano i conti con Salinas e si va ai supplementari.
Dopo appena tre minuti la seconda perla del serbo: calcio di punizione dal limite dell'area, Stojkovic disegna una parabola che aggira la barriera e buca Zubizarreta. 2-0 e la Jugoslavia è ai quarti.

La partita contro l'Argentina ai quarti di finale è una gara molto tesa. Dopo lo 0-0 nei supplementari si arriva ai calci di rigore e, come spesso è successo nella storia del calcio, sono i migliori a sbagliare. Stojkovic sbaglia il primo, Maradona e Troglio sbagliano per gli argentini, ma gli errori di Brnović e Hadžibegić sanciscono l'eliminazione della Jugoslavia.
È l'ultima partita di questa compagine, che in seguito alla feroce guerra inizierà a smembrarsi e nel sarà bannata dall'Europeo del 1992.

Stojkovic e Savicevic: due numeri 10
Ai tempi la Stella Rossa di Belgrado giocava con due numeri 10 in campo: Stojkovic e Savicevic. Il primo è quello che nel club realmente porta la 10 sulle spalle, così come in nazionale, e verrà battezzato a Italia '90 come il "Platini yugoslavo".
Nel 1989 i due vennero eliminati agli ottavi della Coppa dei Campioni nella storica partita contro il Milan a Belgrado decisa ai calci di rigore.
Nel 1991 nella finale di Coppa Campioni giocata al San Nicola di Bari sarà Dejan Savicevic ad alzare il trofeo con la maglia della Stella Rossa, mentre a ricevere la medaglia per il secondo posto con l'Olympique Marsiglia, c'era il suo ex-compagno Dragan Stojkovic.

Maglia storica della Jugoslavia al Mondiale di Italia ‘90. Maglia di alta qualità, 100% poliester. Blu con collo a V bianco, disegni bianco e rossi e il tipico stemma jugoslavo.

Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati