Maglie Storiche FC Barcellona

Retrofootball® offre a tutti i tifosi la collezione ufficiale di abbigliamento vintage del FC Barcellona, disegnata e realizzata con licenza ufficiale del Club. Il Barcellona è  mes que un club e detiene un'identità e dei valori unici nel panorama internazionale. 

La collezione consiste in varie maglie vintage da calcio del Barcellona che hanno fatto la storia del Club:

  • la maglia storica del Barcellona nell'anno della sua fondazione di Joan Gamper nel 1899.
  • la maglia vintage del Barcellona di quando arrivò Joahn Cruyff al Clun nel 1974. La squadra non stava nel suo miglior momento e grazie all'olandese ritornarono a vincere la Liga
  • la maglia Meyba del Barcellona della fine degli anni 80 che segnò un'epoca e definì uno stile. Stiamo parlando del Dream Team di Koeman, Romario e Laudrup

Questa collezione di abbigliamento vintage del FC Barcellona permetterà agli appassionati di rivivere i migliori momenti della storia blaugrana. Tra le divise disponibili, troviamo la prima maglia della storia del Barça in assoluto, e vari modelli degli anni 70 e 80.

Tutte le maglie storiche del FC Barcellona sono fabbricate in Europa con grande passione e attenzione ai dettagli e raggiungono i più alti standard artigianali in termini di vintage look & feel.

Storia del Barcellona

 

Le origini - 1899

La squadra di calcio del Barcellona è stata fondata nel 1899 da Hans Gamper, uno svizzero residente nella città catalana, insieme ad altri appassionati svizzeri, inglesi e catalani di questo sport.

Gamper era un mercante appassionato di calcio e decise di creare un club formale, fece pubblicità sul giornale per creare una squadra di calcio e convocò gli undici membri fondatori. Dal primo momento il nome del club sarebbe stato Football Club Barcelona.

I colori bordeaux (granata) e blu della maglia del Barcellona nascono da un'idea di Arthur Witty, direttore del club e anche di Joan Gamper (questo il nome catalano scelto da Hans) che si è ispirato alla divisa dell'FC Basel dove aveva giocato in precedenza. Si dice anche che il direttore del club Arthur Witty abbia apprezzato i colori blu e granata, poiché erano i colori della scuola di rugby Merchant Taylors College di Liverpool, per cui aveva giocato.

Se guardiamo una foto della prima maglia del Barcellona possiamo apprezzare lo stile dell'epoca, con colletto, bottoni e con due blaugrana (“blu e granata” in catalano). I pantaloni a quel tempo erano bianchi. D'altra parte, lo stemma contiene quello della città di Barcellona, ​​un simbolo che identificherà la squadra di calcio con la città catalana. Questo scudo cittadino includerà la mazza e l'alloro dei vincitori.

Puoi apprezzare tutte queste caratteristiche nella maglia storica dell'FC Barcelona 1899.

Lo stemma verrà modificato nel 1906 e ne verrà creato uno specifico per la squadra di calcio, non tanto basato sullo scudo della città di Barcellona come il precedente. Questo stemma è quello che è rimasto fino ad oggi con le iniziali FCB, la croce di San Giorgio (Sant Jordi) patrono della città di Barcellona, ​​le sbarre Senyera nei colori della Catalogna e una palla retro sul Blau-Grana del Club.

In questi anni fondamentali sono state gettate le basi per molte delle tradizioni che sono sopravvissute fino ad oggi. È in questo periodo che è stato inaugurato il primo campo ufficiale, il campo da gioco in Calle Industria. C'erano due tribune e i vicini che passavano per la strada vedevano dal basso il sedere dei tifosi sugli spalti, da qui il nome dato ai tifosi del Barça; culés.

Le prime vittorie del Club si sono verificate nel 1910, 1912 e 1913 quando il Barça ha vinto la Copa del Rey. Le prime partite internazionali furono giocate in quel periodo anche nella Coppa dei Pirenei in cui giocarono squadre della Francia meridionale, della Catalogna e dei Paesi Baschi.

La maglia del 1910 sarà realizzata secondo il modello, che con modifiche nel design per adattarlo ad ogni epoca, è durato fino ad oggi. Non sarà più una camicia bicolore blu e bordeaux come quella del 1899 ma sarà realizzata con strisce strette blu e granata.

Puoi ammirare la modernità di questa maglia dell'FC Barcelona 1916/17 con il suo scollo a V, il logo FCB e le sue maniche lunghe qui sopra nella sezione delle maglie retro.

 

FC Barcelona negli anni '20

Gli anni '20 sono un momento di grande progresso per il Club. Il suo numero di membri aumenterà notevolmente, raggiungendo i 10.000, lo stadio Les Corts sarà costruito nel 1922.

In questo periodo la squadra gioca diverse partite contro l’Espanyol, che sarà il loro eterno rivale nella città di Barcellona.

Il Barcellona vincerà 5 campionati spagnoli negli anni '20, in particolare quelli  del 1920, 1922, 1925, 1926 e 1928. Dobbiamo tenere conto che questo campionato spagnolo, l'attuale Copa del Rey era il campionato delle miliori squadre del tempo, da qui l'importanza di questi trionfi.

Tra le loro fila troviamo giocatori come il portiere Zamora o Samitier, idoli di quel tempo.

In questo decennio, il primo campionato di Liga iniziò nel 1929. Sarà vinto proprio dal Barcellona, ​​con il Real Madrid che arrivò secondo e iniziò anche l'eterna rivalità tra questi due grandi club spagnoli.

Per quanto riguarda il kit, va notato che negli anni '20 è avvenuto il cambio definitivo ai pantaloni blu. In precedenza erano stati bianchi o neri. Le strisce della maglia del Barça, invece, saranno più larghe, due granata e una centrale blu.

Anni 30

Gli anni Trenta iniziano con un periodo di grande instabilità. Le circostanze politiche, la crisi del 29, la Repubblica e la Guerra Civiledeterminarono una notevole riduzione nelle casse del Club, ma diminuì anche il numero dei soci e l'afflusso allo stadio Les Corts. A questo si è aggiunta la tragica morte del suo fondatore Hans Gamper, che si tolse la vita, forse a causa di problemi finanziari.

Tutto ciò ha contribuito al fatto che l'FC Barcelona non abbia ottenuto alcun trionfo nei campionati in questo decennio.

Durante la Guerra Civile, quando la Liga fu sospesa, fu creato un campionato chiamato Liga del Mediterraneo con squadre della Catalogna e della Comunidad Valenciana. Il Barcellona vinse il titolo nel 1937, nel pieno della guerra civile. Per porre fine a un periodo disastroso, il suo presidente Josep Suñol fu ucciso nel 1936 da cittadini nelle vicinanze di Madrid. Oltre ad essere il presidente del Club, era un politico della Esquerra Republicana de Catalunya.

In questo decennio viene effettuato un importante tour internazionale in America che servirà a ripristinare l'economia in difficoltà  del Club.

La classica maglia con scollo a V con le due strisce bordeaux e la banda blu centrale continuerà ad essere il kit che vestirà i giocatori in questo difficile decennio.

 

Anni ‘40

Negli anni Quaranta, alla fine della Guerra Civile, il Club seguì l'andamento del resto della Spagna, la politica del Regime Franchista influenzò i simboli del Club e la sua gestione, con i presidenti eletti dal Regime.

Due barre della Senyera de Catalunya scompaiono dallo scudo e viene reso spagnolo anche il nome che passa da Football Club Barcelona a Club de Fútbol Barcelona. Un cambiamento che avvenne nel 1939 e durò fino al 1946, con la sigla del club CFB sullo stemma.

Come si vede con la storia del club catalano e come accade con il resto delle entità sportive, la politica e lo sport sono interconnesse molte volte in modo armonioso e molte altre con grandi tensioni.

Tuttavia, il decennio si concluse con tre vittorie in campionato, la prima nel 1945 con Sampitier, la stella degli anni '20, in veste di allenatore e con un'altra vittoria in Copa del Rey nel 1942. Vinceranno anche il campionato del 1948 e del 1949 con Enrique Fernández come allenatore. I giocatori che si sono distinti da quel momento sono stati il ​​grande cannoniere blau-grana César Rodríguez e il portiere Antonio Ramallets, uno dei grandi portieri del Barça.

 

Il Barcellona negli anni '50  e '60

L'evento di questo decennio è la costruzione del Camp Nou nel 1957, che poteva contenere 50.000 spettatori. Questo, insieme al grande successo di Kubala, fenomeno di massa dell'epoca, contribuì a un'incredibile progressione del Club in termini di numero di soci.
Quello che portò Kubala, originario dell'Ungheria e dalla Cecoslovacchia, fu un nuovo modo di giocare, più tecnico, che ammaliò i catalani. Una squadra imbattibile fu costruita attorno a Kubala. Troviamo nomi come
Ramallets, César, Segarra e Moreno tra gli altri.

Sempre in questo decennio ci sarà l'ingaggio di due personaggi che hanno fatto la storia al Barcelona FC, il giocatore Luisito Suarez e l'allenatore Helenio Herrera.

In effetti, gli anni '50 sono stati gli anni del Barcellona. Ha vinto tutto tra i vari campionati e tornei: 3 campionati di Liga e 5 Coppe, chiamate allora Copa del Generalisimo.

La maglia del Barcellona 1955/56, a maniche corte con scollo a V, racchiude l'aura dei vincitori di un momento indimenticabile.

Gli anni Sessanta furono anni difficili nonostante iniziassero con due vittorie nel 1960, il Campionato del 1960 e una Coppa delle Fiere, che potremmo considerare l'antecedente dell'Europa League, anch’essa nel 1960. Tuttavia, la sconfitta in finale di Coppa dei Campioni del 1961 mise in crisi il club e in questo decennio riuscì a trovare la sua nuova identità dopo la partenza di Herrera e Luis Suarez, che faranno la storia dell’Inter. Nonostante ciò, risucirono a vincera la seconda Coppa delle Fiere nel 1966.



I grandi anni '70 e '80 del Barcellona: Johan Cruyff e Maradona

Gli anni '70 sono gli anni di Cruyff, un giocatore entrato a far parte della rosa del Club nel 1973. Nuñez sarà presidente nel 1978. In questo decennio, i membri sono aumentati notevolmente, arrivando a 80.000.
Oltre a Cruyff, ci sono stati acquisti importanti di calciatori stranieri, come
Neskeens, il danese Simonsens o il peruviano Sotil.

I trionfi e gli acquisti sono andati di pari passo questa volta; vinsero il campionato nel 1974, la Copa del Rey nel 1971 e 1978 e la prima Coppa delle Coppe nel 1979.

Da evidenziare la partita di campionato della stagione 1973-74 con il mitico 0-5 contro il Real Madrid al Bernabeu con giocatori della statura di Rexach, Marcial, Asensi, Sotil e ovviamente Cruyff.

Puoi vedere qui sopra la maglia della stagione del 0-5 del Barça ai Blancos.La maglia del Barcellona 1973/74 a maniche lunghe e girocollo con i mitici colori Blaugrana indossata da un giovane Cruyff.
Trovi anche una versione a maniche corte della
maglietta degli anni '70 dell'FC Barcelona che riflette i sentimenti dell'intero decennio e la spinta che l'allenatore Rinus Michels ha portato alla squadra. Oppure la seconda maglia del Barcellona 1974-75: la divisa da trasferta è incredibile, con un colore giallo acceso e una fascia con i colori blaugrana.

In questo decennio, l'attuale inno del Barça viene composto da Manuel Valls come conseguenza del 75 ° anniversario del Club.

Negli anni '80, José Luis Nuñez, che era stato eletto presidente del club nel 1978, avrebbe imposto il suo stile attraverso grandi acquisti, come Maradona, Schuster, Quini o Lineker. Vinse la Coppa delle Coppe nel 1982 per la seconda volta. Il 1982 fu l'anno in cui fu ingaggiato Maradona ma non ebbe grandi fortune al club e nel 1984 si trasferì al Napoli.

La maglia del Barcellona 1980-81 è un buon simbolo di questo decennio degli anni 80. Il colletto della maglia e lo scollo a V vengono recuperati, conferendole un'aria di serietà e fermezza al marchio Barça. È la maglia del Barcelloan di Quini, che è stato uno dei migliori attaccanti spagnoli dell'epoca ed è stato un grande marcatore per il Barcellona.

Nonostante la vittoria nel campionato del 1985 con Terry Venables come allenatore, gli anni '80 non furono i più brillanti del club catalano e nel 1988 Cruyff fu assunto come allenatore per cambiare le cose. La cosa più importante in questo periodo è stato l'aumento di fan e soci, che ha portato il club in buona salute finanziaria.



Gli anni '90 e 2000 del Barça

Il Barcellona di Cruyff e la prima Coppa dei Campioni

Cruyff è riuscito dal 1988 a far sì che gli anni '90 siano ricordati come un grande decennio. Giocatori di grande prestigio entrano a far parte del club: Stoichkov, Romario, Laudrup, Zubizarreta, Koeman o Guardiola. Il trionfo in campionato arrivò nel 1991 e proseguì nei tre anni successivi, 1992, 1993 e 1994. Fu una pietra miliare!
Ha anche ottenuto la vittoria più attesa: la
Coppa dei Campioni del 1992 vinta in finale contro la Sampdoria di Mancini e Vialli. La squadra di questo periodo è stata ribattezzata Dream Team certificando ancora una volta che Cruyff, in questa fase insieme a Rexach, ha trasformato in oro tutto ciò che riguardava il calcio.  Tuttavia, dopo il declino del Dream Team e dovendo affrontare una nuova generazione di calciatori, ci fu uno scontro tra Cruyff e Nuñez e l'olandese volante fu licenziato dal club tanto amato nel 1996.

Puoi vedere qui sopra la maglia retro del Barcellona 1990-91 che riflette lo spirito di questo decennio.

A partire dalla stagione 1992-93 iniziarono alcuni anni di innovazioni nel design con disegni sulle spalle fino al 1998. Successivamente, si tornò di nuovo a modelli più classici con meno dettagli. Cogliamo l'occasione per ricordarvi che i marchi che hanno realizzato le maglie del Barcellona sono stati dal 1982 al 1992 l'azienda spagnola Meyba, l'italiana Kappa per i successivi sei anni fino a quando Nike, l'azienda americana, nel 1998 è diventata responsabile della produzione e del design del magliette culés. Oggi l’azienda dell’Oregon vanta più di 20 anni di collaborazione con il club catalano.

Gli anni 2000 e il Barcellona di Guardiola

In campo sportivo negli anni 2000 arrivò Gaspart come presidente che nei suoi tre anni non ottenne alcun titolo fino a quando Joan Laporta non ottenne la presidenza del club e con lui arrivò Rijkaard come allenatore, che ingaggiò Eto'o, Ronaldinho e Deco. Questi giocatori si sono uniti alle stelle che erano cresciute nel club: Xavi, titolare dal 1999, Iniesta di Fuentealbilla, cresciuto nella Massía del Barcelona da quando aveva dodici anni e che aveva debuttato nel 2002, Puyol dal 1999, Valdés e ovviamente anche il giovane Messi che ha iniziato a giocare in prima squadra nel 2004.
Questi giocatori hanno vissuto un'era brillante, vincendo il campionato nel 2005 e nel 2006 e soprattutto hanno alzato la Champions League una seconda volta nel 2006, la prima per Messi.

Il Barcellona di Guardiola del 2009, insieme a Messi e tutte le altre stelle blaugrana ha regalato al Barça il miglior momento della sua storia, conquistando un Sextete: 6 titoli in una stagione e mezza. I blaugrana conquistarono prima la Liga, la Champions League e la Copa del Rey, poi aggiunsero la Supercopa de España e il Mondiale per Club. Finora l’unico Club ad averlo vinto nei campionati maggiori.

Nel 2015, con Luis Enrique come allenatore, è stata nuovamente raggiunto il tanto atteso Triplete di Liga, Coppa del Re e Champions League.

Con queste vittorie e questa storia di successi, poco si può dire di più di questa squadra che è stata incoronata una delle più talentuose al mondo.
Messi come migliore al mondo ha anche conferito al club Blaugrana una dimensione stratosferica con le vittorie ottenute soprattutto nel XXI secolo.

 

 Tutte le sue vittorie hanno un sapore speciale, i suoi fan sono passionali e sentono la storia del club sulla loro pelle.
Le migliori maglie vintage del Barcellona ti faranno sentire parte di questa storia di successi e dedizione al miglior calcio del secolo.

Anni 30

Gli anni Trenta iniziano con un periodo di grande instabilità. Le circostanze politiche, la crisi del 29, la Repubblica e la Guerra Civiledeterminarono una notevole riduzione nelle casse del Club, ma diminuì anche il numero dei soci e l'afflusso allo stadio Les Corts. A questo si è aggiunta la tragica morte del suo fondatore Hans Gamper, che si tolse la vita, forse a causa di problemi finanziari.

Tutto ciò ha contribuito al fatto che l'FC Barcelona non abbia ottenuto alcun trionfo nei campionati in questo decennio.

Durante la Guerra Civile, quando la Liga fu sospesa, fu creato un campionato chiamato Liga del Mediterraneo con squadre della Catalogna e della Comunidad Valenciana. Il Barcellona vinse il titolo nel 1937, nel pieno della guerra civile. Per porre fine a un periodo disastroso, il suo presidente Josep Suñol fu ucciso nel 1936 da cittadini nelle vicinanze di Madrid. Oltre ad essere il presidente del Club, era un politico della Esquerra Republicana de Catalunya.

In questo decennio viene effettuato un importante tour internazionale in America che servirà a ripristinare l'economia in difficoltà  del Club.

La classica maglia con scollo a V con le due strisce bordeaux e la banda blu centrale continuerà ad essere il kit che vestirà i giocatori in questo difficile decennio.

 

Anni ‘40

Negli anni Quaranta, alla fine della Guerra Civile, il Club seguì l'andamento del resto della Spagna, la politica del Regime Franchista influenzò i simboli del Club e la sua gestione, con i presidenti eletti dal Regime.

Due barre della Senyera de Catalunya scompaiono dallo scudo e viene reso spagnolo anche il nome che passa da Football Club Barcelona a Club de Fútbol Barcelona. Un cambiamento che avvenne nel 1939 e durò fino al 1946, con la sigla del club CFB sullo stemma.

Come si vede con la storia del club catalano e come accade con il resto delle entità sportive, la politica e lo sport sono interconnesse molte volte in modo armonioso e molte altre con grandi tensioni.

Tuttavia, il decennio si concluse con tre vittorie in campionato, la prima nel 1945 con Sampitier, la stella degli anni '20, in veste di allenatore e con un'altra vittoria in Copa del Rey nel 1942. Vinceranno anche il campionato del 1948 e del 1949 con Enrique Fernández come allenatore. I giocatori che si sono distinti da quel momento sono stati il ​​grande cannoniere blau-grana César Rodríguez e il portiere Antonio Ramallets, uno dei grandi portieri del Barça.

 

Il Barcellona negli anni '50  e '60

L'evento di questo decennio è la costruzione del Camp Nou nel 1957, che poteva contenere 50.000 spettatori. Questo, insieme al grande successo di Kubala, fenomeno di massa dell'epoca, contribuì a un'incredibile progressione del Club in termini di numero di soci.
Quello che portò Kubala, originario dell'Ungheria e dalla Cecoslovacchia, fu un nuovo modo di giocare, più tecnico, che ammaliò i catalani. Una squadra imbattibile fu costruita attorno a Kubala. Troviamo nomi come
Ramallets, César, Segarra e Moreno tra gli altri.

Sempre in questo decennio ci sarà l'ingaggio di due personaggi che hanno fatto la storia al Barcelona FC, il giocatore Luisito Suarez e l'allenatore Helenio Herrera.

In effetti, gli anni '50 sono stati gli anni del Barcellona. Ha vinto tutto tra i vari campionati e tornei: 3 campionati di Liga e 5 Coppe, chiamate allora Copa del Generalisimo.

La maglia del Barcellona 1955/56, a maniche corte con scollo a V, racchiude l'aura dei vincitori di un momento indimenticabile.

Gli anni Sessanta furono anni difficili nonostante iniziassero con due vittorie nel 1960, il Campionato del 1960 e una Coppa delle Fiere, che potremmo considerare l'antecedente dell'Europa League, anch’essa nel 1960. Tuttavia, la sconfitta in finale di Coppa dei Campioni del 1961 mise in crisi il club e in questo decennio riuscì a trovare la sua nuova identità dopo la partenza di Herrera e Luis Suarez, che faranno la storia dell’Inter. Nonostante ciò, risucirono a vincera la seconda Coppa delle Fiere nel 1966.



I grandi anni '70 e '80 del Barcellona: Johan Cruyff e Maradona

Gli anni '70 sono gli anni di Cruyff, un giocatore entrato a far parte della rosa del Club nel 1973. Nuñez sarà presidente nel 1978. In questo decennio, i membri sono aumentati notevolmente, arrivando a 80.000.
Oltre a Cruyff, ci sono stati acquisti importanti di calciatori stranieri, come
Neskeens, il danese Simonsens o il peruviano Sotil.

I trionfi e gli acquisti sono andati di pari passo questa volta; vinsero il campionato nel 1974, la Copa del Rey nel 1971 e 1978 e la prima Coppa delle Coppe nel 1979.

Da evidenziare la partita di campionato della stagione 1973-74 con il mitico 0-5 contro il Real Madrid al Bernabeu con giocatori della statura di Rexach, Marcial, Asensi, Sotil e ovviamente Cruyff.

Puoi vedere qui sopra la maglia della stagione del 0-5 del Barça ai Blancos.La maglia del Barcellona 1973/74 a maniche lunghe e girocollo con i mitici colori Blaugrana indossata da un giovane Cruyff.
Trovi anche una versione a maniche corte della
maglietta degli anni '70 dell'FC Barcelona che riflette i sentimenti dell'intero decennio e la spinta che l'allenatore Rinus Michels ha portato alla squadra. Oppure la seconda maglia del Barcellona 1974-75: la divisa da trasferta è incredibile, con un colore giallo acceso e una fascia con i colori blaugrana.

In questo decennio, l'attuale inno del Barça viene composto da Manuel Valls come conseguenza del 75 ° anniversario del Club.

Negli anni '80, José Luis Nuñez, che era stato eletto presidente del club nel 1978, avrebbe imposto il suo stile attraverso grandi acquisti, come Maradona, Schuster, Quini o Lineker. Vinse la Coppa delle Coppe nel 1982 per la seconda volta. Il 1982 fu l'anno in cui fu ingaggiato Maradona ma non ebbe grandi fortune al club e nel 1984 si trasferì al Napoli.

La maglia del Barcellona 1980-81 è un buon simbolo di questo decennio degli anni 80. Il colletto della maglia e lo scollo a V vengono recuperati, conferendole un'aria di serietà e fermezza al marchio Barça. È la maglia del Barcelloan di Quini, che è stato uno dei migliori attaccanti spagnoli dell'epoca ed è stato un grande marcatore per il Barcellona.

Nonostante la vittoria nel campionato del 1985 con Terry Venables come allenatore, gli anni '80 non furono i più brillanti del club catalano e nel 1988 Cruyff fu assunto come allenatore per cambiare le cose. La cosa più importante in questo periodo è stato l'aumento di fan e soci, che ha portato il club in buona salute finanziaria.

Gli anni '90 e 2000 del Barça

Il Barcellona di Cruyff e la prima Coppa dei Campioni

Cruyff è riuscito dal 1988 a far sì che gli anni '90 siano ricordati come un grande decennio. Giocatori di grande prestigio entrano a far parte del club: Stoichkov, Romario, Laudrup, Zubizarreta, Koeman o Guardiola. Il trionfo in campionato arrivò nel 1991 e proseguì nei tre anni successivi, 1992, 1993 e 1994. Fu una pietra miliare!
Ha anche ottenuto la vittoria più attesa: la
Coppa dei Campioni del 1992 vinta in finale contro la Sampdoria di Mancini e Vialli. La squadra di questo periodo è stata ribattezzata Dream Team certificando ancora una volta che Cruyff, in questa fase insieme a Rexach, ha trasformato in oro tutto ciò che riguardava il calcio.  Tuttavia, dopo il declino del Dream Team e dovendo affrontare una nuova generazione di calciatori, ci fu uno scontro tra Cruyff e Nuñez e l'olandese volante fu licenziato dal club tanto amato nel 1996.

Puoi vedere qui sopra la maglia retro del Barcellona 1990-91 che riflette lo spirito di questo decennio.

A partire dalla stagione 1992-93 iniziarono alcuni anni di innovazioni nel design con disegni sulle spalle fino al 1998. Successivamente, si tornò di nuovo a modelli più classici con meno dettagli. Cogliamo l'occasione per ricordarvi che i marchi che hanno realizzato le maglie del Barcellona sono stati dal 1982 al 1992 l'azienda spagnola Meyba, l'italiana Kappa per i successivi sei anni fino a quando Nike, l'azienda americana, nel 1998 è diventata responsabile della produzione e del design del magliette culés. Oggi l’azienda dell’Oregon vanta più di 20 anni di collaborazione con il club catalano.

Gli anni 2000 e il Barcellona di Guardiola

In campo sportivo negli anni 2000 arrivò Gaspart Continua a leggere Mostra di meno

Whatsapp Web