Maglie Storiche Chelsea FC

Maglie Storiche Chelsea FC

16 prodotto(i)

per pagina   |  

In questa sezione presentiamo le nostre maglie storiche del Chelsea Football Club; un Club storico della città di Londra e del calcio inglese. Tutte le nostre maglie del Chelsea sono ufficiali e replicano fedelmente i momenti storici del Chelsea. Con questi modelli vogliamo far rivivere le leggende della storia dei Blues. Abbiamo fra le altre, i seguenti modelli di maglie classiche: 

  • Maglia calcio classica del Chelsea campione della FA CUP nel 1970, per la prima volta nella storia del Club, con giocatori come Houseman e Osgood che sconfissero il grande Leeds United di Don Revie e di leggende come Billy Bremmer e Peter Lorimer
  • • Maglia da calcio vintage del Chelsea della stagione 1983-84, del tanto atteso ritorno alla prima divisione del calcio inglese. Un modello iconico con strisce orizzontali blu e azzurre.
  • • Maglia retro del Chelsea della stagione 1996-97 con il ritorno alla gloria per i Blues grazie alla vittoria della FC Cup dopo un'attesa di 26 anni. In questa squadra spiccabano leggende come Gianfranco Zola, Roberto Di Matteo, Vialli o il gallese Mark Hughes. Il Chelsea, allenato da un'altra leggenda (Ruud Gullit) sconfisse il Middlesbrough di Emerson e Ravanelli per 2 a 0.

Il Chelsea è uno dei grandi Club della Premier League inglese. La società è del quartiere di Fulham nell'ovest di Londra ed è lì che sorge il suo mitico stadio Stamford Bridge, vicino al Tamigi. Durante i tempi nei quali si poteva assistere in piedi alle partite arrivò ad avere una capienza di 82.905 spettatori per assistere alla partita contro il Liverpool nel 1935. Il Club ha vissuto la sua miglior epoca dalla fine degli anni 90, quando il vecchio presidente Ken Bates cedette le sue quote al russo Abramovich (2004).

Vogliamo fare felici i nostri clienti con le nostre maglie ufficiali dei Blues. Il Chelsea è un club molto amato a livello internazionale e assistere a una partita Stamford Bridge è una grande esperienza calcistica. E se lo facessi vestito con una maglia storica del Club, riviverai tutte le leggende del Chelsea come Zola, Vialli, Gullit o Didier Drogba. Moda da calcio da uomo e da donna per sfoggiare Blues con stile.

Una breve storia del Chelsea


Fondazione e primi anni

La nascita del Chelsea FC

Il 10 marzo 1905, diverse persone si riunirono in una stanza al piano superiore del Rising Sun Pub. Uno di questi uomini era il milionario Gus Mears, che si chiedeva cosa fare dello stadio Stamford Bridge Athletic, che stava ristrutturando di fronte al pub in cui si trovavano. L'accordo con il Fulham FC per affittare lo stadio era fallitonon andò a buon fine, è così che nasce l'idea del Chelsea FC.

Situato in una zona privilegiata di Londra, la popolarità del Chelsea è cresciuta con incredibile velocità e una grande partita contro il Manchester United nel 1906, appena un anno dopo la fondazione del club, fu seguita da ben 67.000 persone.

I tifosi rivali amano prendere in giro il Chelsea per essere un club rilevante solo da quando Roman Abramovich ha investito soldi nel club nel 2003, ma il Chelsea si è tolto le sue soddisfazioni e ha avuto i suoi tifosi sin dal suo inizio.

Le maglie sono state come sempre testimone della storia dei cambiamenti significativi della squadra. I giocatori inizialmente indossavano il colore Eton Blue, una tonalità molto più chiara dell'iconico blu entrato in uso intorno al 1906. Questo colore era dovuto al fatto che il presidente del club era Lord Cadogan, che era coinvolto in molte gare di cavalli. Poi fu cambiato in Royal Blue. Anche il design delle maglie ha subito grandi modifiche, le maglie a volte sono state tinta unita blu, altre con linee verticali o orizzontali.

Intorno agli anni '30, il colletto divenne un colletto polo e rimase fino alla fine degli anni '50. Con il blu reale le maglie assumevano un aspetto magico.

Nel decennio successivo, gli anni Sessanta, fu introdotto lo stemma sulla maglia e a questo fu aggiunto il leone. Il leone rampante è il simbolo del primo presidente, il conte di Cadogan ed è stato preso dallo stemma del London Borough of Chelsea.


I primi anni

Il Chelsea è stato il primo club ad assumere raccattapalle perché il portiere Willie Foulke era davvero un gigante, pesava quasi 150 chilogrammi ed era alto quasi 2 metri.

Sebbene i risultati non siano stati particolarmente impressionanti, il sostegno al club lo è stato sicuramente. Questa fu la forza dei Blues. I tifosi sono sempre andati allo stadio. Nonostante sia stato un club mediocre per decenni, lo Stamford Bridge ha avuto la più alta partecipazione media nel 1907-08, 1909-10, 1911-12, 1912-13, 1913-14 e 1919-20.

Il suo scudo all'epoca aveva il logo del cosiddetto "pensionato di Chelsea", con una lunga barba bianca e alcune medaglie sul petto. Per questo motivo, il soprannome dei tifosi del Chelsea era Pensioners (Pensionati). Il pensionato di Chelsea era isiprato dagli ospiti del Royal Hospital Chelsea, una casa di riposo per ex membri dell'esercito britannico.

La squadra di calcio del Chelsea fu promossa in First Dviision nel 1907-1908 e retrocessa in Second Division nel 1910 e rimase tra la Prima e la Seconda Divisione per la maggior parte dei suoi primi cinquant'anni di esistenza, senza mai vincere il titolo della First Division. Alcuni dei loro momenti salienti furono il raggiungimento della loro prima finale di FA Cup nel 1915, dove persero contro lo Sheffield United. Finirono terzi in First Division nel 1920, oltre a giocare un paio di semifinali di FA Cup.

L'era del dopoguerra


Ted drake

Negli anni del dopoguerra, il Chelsea era una squadra di metà classifica. Ted Drake, ex attaccante dell'Arsenal e centravanti dell'Inghilterra, fu nominato manager del club e iniziò una ristrutturazione.

Una delle prime cose che fece fu sostituire lo stemma dei pensionati con lo stemma civico del London Borough. Ciò ha portato l'iconico leone rampante araldico sulle maglie, in uqanto Drake pensò che fosse molto più appropriato come simbolo per la squadra di calcio del Chelsea.

L'evoluzione dello stemma del Chelsea nella sua storia
L'evoluzione dello stemma del Chelsea nella sua storia

Ted drake migliorò anche le categorie giovanili, ponendo molta più enfasi sullo sviluppo di giocatori di qualità piuttosto che pagare giocatori di punta che spesso hanno deluso le aspettative. Ha anche ridisegnato il sistema di allenamento, cercando di ottenere il massimo dalla sua squadra e ha acquistato giocatori di serie inferiore che era disposto ad allenare e migliorare.

Questo portò il Chelsea al suo primo titolo in First Division nel 1954-55, una grande gioia per i tifosi del Chelsea. Un successo che durò poco o nulla, i blues tornarono nella posizioni centrali della classifica nelle stagioni successive e Ted Drake fu stato licenziato nel 1961. Nonostante ciò, il Chelsea e i suoi tifosi hanno un un debito di gratitudine con lui.


Anni Sessanta, Settanta e Ottanta

Nel 1960, il Chelsea FC divenne la prima squadra ad adornare la propria maglia da calcio con lo stemma del club e l'ormai famosa maglia blu fu unita al leone per creare un'elegante divisa. Successivamente lo scudo con il leone fu considerato troppo complesso per le maglie successive e usarono un design più semplice, con solo le lettere CFC e il leone montato su di esse.

Il soprannome fu cambiato in The Blues in questo periodo poiché non c'era più un motivo per associare il Chelsea Football Club ai Pensioners.

Neli anni Sessanta il Chelsea FC sfiorò il successo in diverse occasioni, ma non riuscirono a concretizzare. Si sono avvicinati molto nel 1964-65, vincendo la Coppa di Lega, e arrivando ​​terzi in First Division.

Jimmy Greaves con la maglia del Chelsea anni 60, 1960
Jimmy Greaves con la maglia del Chelsea anni 60, 1960

Prima vittoria della FA Cup e Coppa delle Coppe

Nel 1970, il Chelsea riuscì a qualificarsi per un'altra finale di FA Cup, questa volta contro il Leeds. Fu una partita incredibilmente brutale e fu la seconda trasmissione sportiva più vista del Regno Unito, comprensibilmente dietro la finale della Coppa del Mondo del 1966.

La partita fu quasi uno scontro culturale: gli spietati e intransigenti nordici contro gli stravaganti meridionali. Nessuna delle due fazioni aveva mai vinto la FA Cup prima, quindi la posta in gioco era alta.

La prima partita fu una vera battaglia, dove la vittoria del Leeds sembrava essere certa a sei minuti dall'inizio della partita quando segnarono il 2-1. Tuttavia, il Chelsea paerggiò i conti due minuti dopo. Non ci furono altri gol nei tempi supplementari, quindi sarebbe stata decisa nel ritorno. 

La finale si giocò all'Old Trafford dato che il campo di gioco di Wembley era stato decimato dalla prima partita. Anche questa partita fu incredibilmente dura ma non venne estratto neanche un cartellino giallo. Quando un altro arbitro ha rivisto la partita nel 1997, ha dichiarato che la partita avrebbe dovuto avere sei cartellini rossi e venti cartellini gialli, dimostrando quanto il gioco sia cambiato in trent'anni.

Ancora una volta i novanta minuti si conclusero con un pareggio: 1-1. Nei supplementari, da una punizione dalla distanza il pallone finì nell'area del Leeds e dopo un po 'di confusione Webb mandò la palla in rete per la gioia del Chelsea e dei suoi tifosi. Riuscirono a mantenere il vantaggio fino al termi dei supplementari e vinsero la finale, alzando la prima FA Cup della loro storia.

Una partita mitica, una rappresentazione perfetta del calcio com'era prima della nostra era contemporanea, con alcuni giochi scorretti francamente incredibili ma anche un calcio divertente e con la passione di ogni giocatore in campo che dimostrava quella voglia di vincere che ci piace vedere allo stadio.

Nel 1971 vinse la Coppa delle Coppe contro il Real Madrid, il primo trofeo europeo per il Chelsea, con due gol di Peter Osgood e John Dempsey nella seconda partita.

Il Chelsea con la Coppa delle Coppe vinta nella finale contro il Real Madrid nel 1971
Il Chelsea con la Coppa delle Coppe vinta nella finale contro il Real Madrid nel 1971

Un periodo difficile per il Chelsea

Dopo un ottimo inizio nei primi anni '70, la seconad parte del decennio e gli anni '80 non furono un periodo facile per il Chelsea Football Club. Furono retrocessi in Second Division e quasi in Third Division nel 1982 per essere poi acquistati per solo £1, sì avete letto bene, una sterlina, da Ken Bates.

Nel 1980, la loro maglia da trasferta era di un bel giallo con un colletto verde che ricordava la squadra del Brasile. In diverse occasioni hanno anche introdotto strisce bianche sulla classica maglia blu.

Il Chelsea fu promosso in First Division nel 1984 ed è rimasta tra i primi sei posti della classifica prima di trascorrere un altro anno in Seconda Divisione. Tuttavia, le loro fortune sarebbero presto cambiate in meglio.

Squadra del Chelsea nel 1984
La squadra del Chelsea nel 1984 con una delle maglie più particolari della sua storia

L'era moderna


Ruud gullit

All'inizio della prima edizione della Premier League nel 1992, il Chelsea non era quindi il grande club che è stato da quel momento in poi. Nel 1995, un giocatore di blasone mondiale coome Ruud Gullit si unì alla squadra.

All'inizio giocò come libero, con scarso successo. Venne rapidamente spostato a centrocampo dove fu molto più efficace, arrivando secondo come Calciatore dell'anno dietro Eric Cantona. Gullit amò giocare per il Chelsea più che in qualsiasi altro momento della sua carriera: "Bella partita, bellissimo stadio, grande pubblico, sto giocando bene. È stata l'unica volta in cui mi sono davvero divertito".

L'anno successivo è nominato giocatore-allenatore del club. Per i tifosi veterani del Chelsea è un periodo meraviglioso da ricordare. La sua prima stagione in carica si è conclusa con una vittoria in FA Cup e un discreto sesto posto in Premier League.

Tuttavia, fu licenziato la stagione successiva con il Chelsea al secondo posto in campionato e il raggiungimento dei quarti di finale in due competizioni. La ragione di questo licenziamento non è ancora chiara ad oggi, con Ken Bates che afferma che " Ruud Gullit non gli è mai piaciuto".


Gli ultimi vent'anni: i successi del Chelsea di Abramovich

Negli ultimi vent'anni, il Chelsea si è affermato con successo come una forza dominante nel calcio inglese. Anche rispetto al Liverpool che ha vinto la Premier League 2020, il Chelsea ha vinto di più, cinque Premier League da quando Abramovich ha acquistato il club.

Due dei suoi giocatori più fedeli sono stati Frank Lampard e John Terry. Entrambi inglesi, hanno giocato per il club per più di un decennio ciascuno e hanno dato tutto in campo ogni volta che hanno giocato. Lampard è il centrocampista con più goal segnati nella storia della Premier League ed è quinto nella lista dei migliori marcatori, indipendentemente dalla sua posizione.


Vittoria in Champions League

La più grande vittoria del Chelsea Football Club è senza dubbio la finale di Champions League del 2012. Arrivarci fu già di per sè un'impresa incredibile, visto che in qualche modo hanno battuto il Barcellona in semifinale nonostante non partissero certamente come favoriti e che nella partita il capitano John Terry è stato espulso al 37 '.

Come nelle semifinali, il Chelsea ha retto bene nel contronto con il Bayern Monaco in finale ed è stato francamente incredibile che abbiano resistito così a lungo. Muller ha portato il Bayern in vantaggio all'83', e per il Chelsea sembrava che fosse tutto finito quando il Bayern si è chiuso in difesa.

Tuttavia, Didier Drogba ha scritto il miglior capitolo della sua storia come leggenda del Chelsea battendo Manuel Neuer e pareggiando i conti dopo appena cinque minuti. Drogba ha poi concesso un rigore ai tedeschi nei supplementari, parato dal grande portiere Petr Cech.

Il portiere edi Blues è stato incredibile ai calci di rigore, indovinando la direzione corretta di ciascuno dei tiri del Bayern, riuscendo a parare due dei cinque rigori. Questo ha permesso a Drogba di segnare il rigore della vittoria, spedendo la palla nell'angolo in basso a sinistra e Neuer nell'angolo opposto.
Il Chelsea di Di Matteo vinse la Champions League!